IL NOBEL CHE NON C’È: ECHI DI GENIO TRA MEDAGLIE FIELDS E PREMI ABEL

Premessa: il Nobel e l’esclusione della matematica

Il Premio Nobel, istituito nel 1901 dal suo omonimo fondatore Alfred Nobel, è universalmente riconosciuto come uno dei riconoscimenti più prestigiosi al mondo, celebrando contributi straordinari in campi come la Letteratura, la Fisica, la Medicina, l’Economia, la Chimica e la Pace. Tuttavia, è noto che non esiste un Nobel per la Matematica, una lacuna che desta curiosità dato il ruolo cruciale che la matematica svolge nel panorama scientifico.

La leggenda narra che la scelta di Nobel di escludere la matematica dalle categorie premiate fosse motivata da questioni personali piuttosto che da valutazioni accademiche. Si dice che Nobel fosse stato ferito da un affronto amoroso, quando una delle sue amicizie sentimentali lo tradì con il matematico svedese Magnus Gustaf Mittag-Leffler, considerato un potenziale candidato al premio. In seguito a ciò, Nobel decise deliberatamente di non includere la matematica tra le categorie del suo premio, assicurandosi che Mittag-Leffler non potesse mai essere onorato con tale riconoscimento.

Il testamento di Nobel fu chiaro nel delineare le categorie premiate, escludendo esplicitamente la matematica. Questa decisione è stata rispettata nel tempo, e fino ad oggi, il Premio Nobel non premia le scoperte matematiche.

Per colmare questa assenza, si fece strada la necessità di riconoscere i meriti nel campo della matematica. La soluzione arrivò grazie all’impulso di John Charles Fields, un matematico canadese che, insieme ai suoi colleghi, ideò un premio alternativo: la Medaglia Fields, destinata a premiare i matematici per le loro scoperte eccezionali.

La prestigiosa medaglia Fields

La Medaglia Fields, istituita nel 1924 e assegnata ogni quattro anni durante il Congresso Internazionale dei Matematici, rappresenta il culmine del riconoscimento in matematica. Dall’istituzione della Medaglia Fields fino al 2022, sono state assegnate 70 medaglie in totale, con l’Italia che vanta due vincitori e gli Stati Uniti al primo posto con 14 onorificenze.

La prima medaglia fu assegnata a Lars Ahlfors e Jesse Douglas, con un premio di 15.000 dollari canadesi, una somma modesta rispetto ai quasi un milione di dollari del Premio Nobel. Questo ha portato alcuni a considerare il Premio Abel come l’equivalente del Nobel per la matematica, soprattutto per l’assenza del limite di età di 40 anni imposto dalla Medaglia Fields.

Tra i momenti storici, si annovera il 2014 quando Maryam Mirzakhani divenne la prima donna vincitrice. Altri fatti degni di nota includono il giovane Jean-Pierre Serre, vincitore a 27 anni nel 1954, e le limitazioni politiche che impedirono ai matematici sovietici di ritirare i loro premi negli anni ’70 e ’78. Nel 1990, Edward Witten fu il primo fisico a ricevere il premio e nel 1994 Andrew Wiles fu onorato specialmente per la dimostrazione dell’ultima congettura di Fermat, nonostante avesse superato l’età limite per la Medaglia Fields. Il 2006 vide il rifiuto di Grigori Perelman, che aveva risolto la congettura di Poincaré.

Alcuni importanti vincitori della medaglia Fields

La Medaglia Fields ha onorato alcuni dei più brillanti matematici, ciascuno dei quali ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della matematica:

  • Jean-Pierre Serre (1954): Acclamato per i suoi contributi fondamentali alla topologia algebrica, geometria algebrica e teoria dei numeri.
  • John G. Thompson (1970): Riconosciuto per il suo lavoro pionieristico nella teoria dei gruppi finiti, che ha riformulato e risolto problemi classici.
  • William Thurston (1982): Premiato per le sue innovative teorie sulla struttura e la classificazione delle 3-varietà in topologia.
  • Edward Witten (1990): Un fisico teorico che ha ricevuto il premio per i suoi eccezionali contributi alla matematica attraverso la teoria delle stringhe.
  • Andrew Wiles (1994, riconoscimento speciale): Celebrato per la sua storica dimostrazione dell’Ultimo Teorema di Fermat.
  • Maryam Mirzakhani (2014): La prima donna vincitrice, celebre per i suoi risultati rivoluzionari nella geometria e nella dinamica delle superfici di Riemann.

Il premio Abel: un omaggio matematico di calibro reale

Il Premio Abel, spesso parallelo alla Medaglia Fields nel riconoscimento dell’eccellenza matematica, viene conferito annualmente dal Re di Norvegia. La sua genesi si deve al matematico norvegese Sophus Lie, che visse nella seconda metà dell’800 e che, grazie alla sua notorietà e ai legami con la famiglia reale, propose l’idea di un premio dedicato a Niels Abel. Dopo la scomparsa di Lie, il progetto rimase inattivo fino a quando, nel 1902, il Re Oscar II di Svezia manifestò interesse nel commemorare Abel in occasione del centenario della sua nascita. Tuttavia, la dissoluzione dell’unione tra Svezia e Norvegia nel 1905 pose fine a tali aspirazioni.

Fu solo nel 2001 che il governo norvegese, onorando il bicentenario di Abel, decise di concretizzare l’idea, destinando un budget di 200 milioni di corone norvegesi, equivalente a circa 23 milioni di dollari. La prima cerimonia di assegnazione del Premio Abel avvenne nel 2003, sotto l’egida dell’Accademia Norvegese delle Scienze e Lettere. Un comitato di cinque eminenti matematici internazionali selezionò il vincitore, un matematico francese che, oltre al prestigioso riconoscimento, fu premiato con un milione di dollari.

Questa onorificenza, assieme alla Medaglia Fields, rappresenta il vertice delle celebrazioni matematiche mondiali, fornendo un sostegno inestimabile agli scienziati che continuano a espandere i confini della conoscenza.

Conclusione: la matematica nella luce della celebrazione

Mentre la Medaglia Fields e il Premio Abel offrono due diverse piattaforme di riconoscimento, entrambi celebrano la passione e la dedizione per la matematica. Questi premi non solo onorano realizzazioni individuali straordinarie, ma ispirano anche la comunità matematica globale a perseguire l’eccellenza e a riconoscere il valore universale della matematica nella vita di tutti i giorni.

Numero visualizzazioni: 64

Ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter

Riceverai informazioni aggiornate sulle nostre iniziative e pubblicazioni speciali

Aiutaci a migliorare

Rispondi a poche, semplici domande e consentici di rendere la nostra rivista ancora più utile ed efficace.