VOGLIO FARE IL CORAZZIERE: UNA PROFESSIONE ALL’ALTEZZA DI TUTTI?

Breve presentazione storica

I Corazzieri, reggimento d’onore e di protezione della Repubblica Italiana, hanno origini storiche che risalgono al Ducato di Emanuele Filiberto Testa di Ferro (1553-1580), inizialmente come “Guardia d’Onore del Principe”. Tuttavia, la figura ufficiale dei Corazzieri con la loro affascinante uniforme nasce nel 1876, con il compito di svolgere ruoli di difesa e protezione in occasioni solenni, quali l’Altare della Patria e la Festa della Repubblica, o durante visite di Capi di Stato esteri. Oggi, questi Carabinieri dall’aspetto imponente e dalla presenza simbolica, oltre ai servizi di scorta e d’onore, svolgono anche mansioni di sicurezza di elevata importanza.

Come si diventa corazzieri: i requisiti

Per poter diventare corazziere, che fa parte del Reggimento Corazzieri, è necessario soddisfare requisiti molto specifici, dato che si tratta di una delle posizioni più prestigiose e simboliche all’interno dell’Arma dei Carabinieri.

I requisiti principali includono:

  • Altezza minima: Un candidato deve avere un’altezza non inferiore ai 190 cm, requisito essenziale data la natura rappresentativa del ruolo.
  • Condizione fisica: È necessario avere un fisico sano e robusto, per poter adempiere ai compiti che potrebbero richiedere prestanza fisica e resistenza.
  • Moralità e curriculum militare: Occorre dimostrare una comprovata moralità personale e un curriculum ineccepibile durante il servizio militare.
  • Abilità specifiche: Bisogna saper cavalcare e guidare motociclette, competenze necessarie per le funzioni di scorta a cavallo o su veicoli a motore.
  • Esperienza nell’Arma dei Carabinieri: Prima di diventare un corazziere, è richiesto un periodo di militanza nell’Arma dei Carabinieri di almeno sei mesi.
  • Formazione e addestramento: Dopo l’entrata nel corpo dei Corazzieri, è richiesto un periodo di tirocinio all’interno del reggimento, durante il quale si riceve una formazione specifica.
  • Superamento del concorso pubblico: Per entrare a far parte dei Corazzieri è necessario superare un concorso pubblico, i cui dettagli vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale e sul sito ufficiale dell’Arma dei Carabinieri.

Le mansioni dei Corazzieri vanno oltre la semplice rappresentanza durante le cerimonie di stato; hanno il compito cruciale di garantire l’incolumità fisica del Presidente della Repubblica e di altri ospiti ufficiali, oltre a garantire la sicurezza dell’intero complesso del Quirinale.

Ambiti di lavoro

  • Reparto scorta: Il compito principale è fornire la scorta e la sicurezza del Presidente della Repubblica Italiana, ma si estende anche alla protezione di altri personaggi di rilievo, sia nazionali che internazionali.
  • Reparto intervento rapido: I Corazzieri sono preparati per reagire rapidamente a situazioni di emergenza che richiedono una risposta immediata per garantire la sicurezza pubblica e del Capo dello Stato.
  • Reparto antisommossa: Questo aspetto è più marginale rispetto ai compiti principali dei Corazzieri, dato che sono principalmente impegnati nella protezione delle alte cariche dello Stato piuttosto che nel controllo delle sommosse, che è di norma affidato ad altri reparti dell’Arma dei Carabinieri.
  • Reparto di addestramento: Fondamentale per la formazione continua dei Corazzieri, questo reparto assicura che siano mantenuti gli alti standard fisici, tecnici e professionali richiesti dal ruolo.
  • Reparto amministrativo: Gestisce le questioni organizzative interne, inclusa la pianificazione e la logistica, essenziali per il funzionamento efficiente del reggimento.

Va notato che i Corazzieri sono un reparto altamente specializzato con compiti specifici legati soprattutto alla rappresentanza e alla protezione del Presidente della Repubblica. Sebbene possano essere coinvolti in attività che richiedono risposte rapide o capacità di controllo, il loro ruolo è fortemente orientato alla sicurezza personale e alle cerimonie di stato.

Aspettative salariali

I Corazzieri, essendo un corpo d’élite dell’Arma dei Carabinieri, beneficiano di uno stipendio di partenza e di prospettive di carriera paragonabili a quelle degli altri membri dell’Arma, con possibilità di ulteriori incrementi legati all’anzianità di servizio, alla formazione specifica e ai ruoli di responsabilità che possono assumere nel corso del tempo. La prestigiosa natura e la visibilità di questo ruolo possono inoltre aprire opportunità uniche di crescita professionale e di riconoscimento all’interno delle forze armate italiane. Al pari degli altri membri dell’Arma, il salario di un Corazziere dipende dal grado e può variare da circa 1.600 euro mensili per i Sottotenenti a circa 2.200 euro per i Maggiori.

Diffusione

Il Reggimento Corazzieri è un reparto speciale dell’Arma dei Carabinieri che ha funzioni di rappresentanza istituzionale e di sicurezza legate alla figura del Presidente della Repubblica Italiana. Non è pratica comune divulgare il numero esatto dei membri che compongono il reggimento, e queste informazioni sono solitamente riservate e gestite internamente dalle autorità militari. Si stima, in ogni caso, che i corazzieri attualmente in servizio siano circa 50, scuderizzati nelle strutture della caserma a protezione del Quirinale e in quelle del quarto Reggimento Carabinieri a Cavallo di Roma-Tor di Quinto.

La carriera di corazziere: vantaggi e svantaggi

La professione di Corazziere, come ogni altra, presenta vantaggi e svantaggi che possono variare in base alla percezione individuale. Ecco alcuni aspetti generalmente accettati:

Vantaggi:

  • Prestigio: Essere un Corazziere è considerato un grande onore e un ruolo di prestigio all’interno dell’Arma dei Carabinieri e del contesto militare italiano.
  • Tradizione e Storia: I Corazzieri hanno una lunga tradizione e sono legati alla storia e alle cerimonie ufficiali dello Stato italiano.
  • Specializzazione: Essere un Corazziere offre la possibilità di una formazione altamente specializzata in diverse aree, comprese le tecniche di protezione, arti marziali e paracadutismo.
  • Opportunità di Crescita: C’è la possibilità di avanzamento di carriera all’interno dell’Arma dei Carabinieri per coloro che dimostrano impegno e competenza.
  • Formazione e Competenze: La professione offre l’opportunità di acquisire competenze trasferibili, come il lavoro di squadra, la disciplina e le abilità di sicurezza.
  • Rappresentanza dello Stato: I Corazzieri rappresentano lo Stato italiano in eventi di alto profilo e cerimonie importanti.

Svantaggi:

  • Rischi Fisici: Come membri delle forze armate, i Corazzieri possono essere esposti a rischi per la sicurezza, specialmente durante le operazioni di protezione.
  • Richieste Fisiche: Il ruolo richiede eccellenti condizioni fisiche e la capacità di rimanere in piedi per lunghi periodi.
  • Rigidi Requisiti: I requisiti per diventare un Corazziere sono molto rigidi, inclusa l’altezza minima e la forma fisica.
  • Vita Personale: Il servizio può imporre significative esigenze sul tempo e sulla vita personale, dato l’impegno richiesto in occasioni ufficiali e cerimonie.
  • Stress: La responsabilità di proteggere le più alte cariche dello Stato può comportare un alto livello di stress.
  • Limitate Opportunità di Ingresso: Dato che si tratta di un corpo elitario, le posizioni disponibili sono limitate e molto competitive.

Questi sono alcuni degli aspetti più evidenti legati alla professione di Corazziere; tuttavia, la percezione di tali vantaggi e svantaggi può variare in base alle esperienze individuali e alle aspettative personali.

Numero visualizzazioni: 10

Ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter

Riceverai informazioni aggiornate sulle nostre iniziative e pubblicazioni speciali

Aiutaci a migliorare

Rispondi a poche, semplici domande e consentici di rendere la nostra rivista ancora più utile ed efficace.